TERROIR

I vigneti di Cortaccia si estendono – fatto singolare nel Sudtirolo – ad un’altitudine compresa tra 220 e 900 m. La maggior parte di essi si trovano su ripidi pendii, sia nella zona Brenntal, una delle più calde in Sudtirolo, sia nella frazione di Corona a 900 metri di altitudine. Il terreno del territorio comunale è caratterizzato da una straordinaria varietà di strati. Inoltre, grazie alle differenti esposizioni dei terreni, i diversi vitigni trovano le migliori condizioni di coltura. Ogni vino è contraddistinto dal suo terroir, termine che racchiude tutte le caratteristiche climatiche, geologiche e geografiche.
ALTIMETRIA-VINI

TERROIR - VINI ROSSI

Sui pendii sotto Cortaccia (220–300 metri di altitudine) si trovano i nostri migliori vigneti per vini rossi. Con temperature massime fino a 40° C in piena estate essi sono fra le aree viticole più calde d’Italia. Le uve Merlot maturano nelle vigne scoscesi della zona Brenntal. Le viti sono piantate su un terreno argilloso pesante, rosso – molto simile a quello della famosa regione del Pomerol in Francia. Ai piedi delle imponenti pareti rocciose su cui troneggia il paese di Cortaccia, il Cabernet Sauvignon e il Cabernet Franc trovano le migliori condizioni: suoli soffici, profondi, ricchi di ghiaia. Il calore riflesso dalle pareti Milla (propaggine della catena della Mendola) favorisce un’ottimale maturazione fisiologica delle uve Cabernet che maturano tardi.
Territorio vino Lagrein DOC Frauenrigl

FRAUENRIGL


280-350m

“Rigl” un tempo in Sudtirolo significava piccolo appezzamento. “Frauenrigl” (piccolo appezzamento di donna) deriva dal fatto che i proprietari dei terreni in questa zona erano spesso donne. Il suolo argilloso rosso sopra la Strada del Vino conferisce al nostro Lagrein il suo aroma particolare. La posizione molto calda a 280–350 m è ideale per il Lagrein che predilige la calura.

Brenntal

BRENNTAL


230-350m

Già nel nome stesso (valle + ardere) si intravede il clima di questa posizione. Si tratta di una delle zone più calde del Sudtirolo, con temperature che in estate toccano i 40 gradi. I vigneti scoscesi di Merlot si trovano ad un’altitudine di 220–300 m al di sotto della Strada del Vino a Cortaccia. I terreni argillosi e ghiaiosi, dotati di un ottimo drenaggio, conservano il calore durante il giorno e lo rilasciano di notte. Il Gewürztraminer si trova a ridosso, più in alto a 250–380 m. Questo terroir caldo è l’artefice dell’aroma straordinario e della corposità nonché della particolare longevità del Gewürztraminer.

GLEN

GLEN


450-650m

Il nostro Pinot Nero prende il nome dall’omonimo abitato sul lato della valle opposto a Cortaccia. È l’unico vino che per intero non proviene dal comune di Cortaccia. Essendo il Pinot Nero un vitigno particolarmente esigente per quanto riguarda la posizione, è stato impiantato laddove trova i presupposti ideali per crescere. Il sole pomeridiano, il terreno particolare – un conglomerato di argilla, calce e porfido – e l’altitudine di 400-650 m s.l.m. costituiscono le condizioni ideali per un elegante Pinot Noir.

TERROIR - VINI BIANCHI

Sulle alture ventilate sopra il centro abitato crescono i nostri migliori vini bianchi. Le frazioni Hofstatt e Penone, ovvero i loro vigneti, sono situati al di sopra di 550 m sul livello del mare. Il microclima in questa zona, in parte molto ripida, è condizionato dai rinfrescanti venti discendenti serali. La marcata differenza di temperatura tra giorno e notte contribuisce a conservare gli aromi freschi e l’acidità vivace. I terreni magri, calcarei, di sedimento e roccia primitiva, danno un’ulteriore impronta ai vini bianchi. La varietà dei sali minerali favorisce in modo efficace le potenzialità di affinamento in bottiglia.
Vino Pinot Bianco Hofstatt

HOFSTATT


500-650m

La zona Hofstatt si trova nell’omonima frazione di Cortaccia a 500–650 m di altitudine sopra il centro abitato. Le ripide vigne su suolo calcareo ricco di argilla e le notevoli differenze di temperatura tra giorno e notte costituiscono l’ambiente ideale per la coltivazione del Pinot Bianco.

Territorio Sauvignon Kofl

PENON


500-700m

La frazione di Penone, situata in modo spettacolare ad un’altitudine tra 500 e 700 m sul livello del mare, è caratterizzata da rinfrescanti venti discendenti notturni. I notevoli sbalzi di temperatura tra giorno e notte che ne derivano, abbinati all’inclinazione ripida dei vigneti, danno origine a un Pinot Grigio inconfondibile con una struttura minerale molto vivace. I terreni ghiaiosi e calcarei con scarsa ritenzione idrica sono determinanti per l’incomparabile sapore salato in bocca del Pinot Grigio.

Territiorio Muller Thurgau Graun

GRAUN


800-900m

La frazione di Corona a 800–900 m sul livello del mare è tra le località vinicole situate più in alto del Sudtirolo. Nel periodo che precede la raccolta, sbalzi di temperatura fino a 15° C tra giorno e notte sono di regola. A beneficiare di queste condizioni climatiche estreme è soprattutto il Müller Thurgau, resistente al freddo. A queste altitudini, su terreni ghiaiosi e sabbiosi, misti ad argilla, questo vino sviluppa aromi floreali e fruttati molto intensi, accompagnati da un’acidità vigorosa e persistente.

Un grande mondo in un piccolo universo

Chi studia la carta dei vitigni e vigneti di Cortaccia deve prendere in considerazione che i pendii sono a terrazze. Altrimenti potrebbe ricavarne un’impressione sbagliata dell’estensione dei vigneti. Il corso dei tempi – i ghiacciai, le forze della terra, vento e condizioni atmosferiche – ha fatto sì che qui si sviluppasse uno spaccato dell’intera gamma di condizioni pedologiche e climatiche. Si trovano sia pendii calcarei estremamente scoscesi come a Penone che zone esposte dove notevoli sbalzi di temperatura tra giorno e notte conferiscono alle uve uno spiccato aroma.
Le uve di montagna arricchiscono il vino del profumo di pascoli alpini appena falciati, mentre le uve di valle, colme di sole, ricordano frutti esotici. Tutto questo in uno spazio ristrettissimo. Un microcosmo del mondo del vino.